In che modo gestire le emozioni giova alla salute

In che modo gestire le emozioni giova alla salute

 

Oggi voglio parlati del come e del perché saper gestire le emozioni giova alla salute.

Emozioni e difese immunitarie

Nel 2015 è stata fatta una scoperta rivoluzionaria, che obbliga a rivedere non solo lo schema del corpo umano, ma anche alcune psicopatologie. È stato scoperto, infatti, che anche nel cervello passano dei vasi linfatici, anche il cervello è interessato dalle azioni del sistema immunitario.

Questa indagine scientifica è la degna prosecuzione delle scoperte che Ader, Cohen e Felten fecero già a partire dal lontano 1974, e poi negli anni successivi.

Gli scienziati, infatti, scoprirono dapprima che il sistema immunitario dispone di una sorta di plasticità, come il sistema nervoso. Ciò vuol dire che se gli si insegna a comportarsi in un certo modo, così imparerà a comportarsi. Poi scoprirono che il funzionamento del sistema immunitario è fortemente influenzato da quello del sistema nervoso.

Cosa vuol dire, tutta questa sbrodolata di ricerche scientifiche?

Vuol dire che le nostre reazioni emotive influiscono sul sistema immunitario, quello che ci aiuta a combattere le malattie, che ci protegge dalle infezioni e che elimina le scorie dal nostro corpo.

 

Emozioni funzionali e disfunzionali

Dunque, se continuiamo ad alimentare in noi rabbia, paura, ansia, depressione, sconforto, invidia e altre emozioni disfunzionali, è chiaro che questa attivazione “nociva” del sistema nervoso interesserà anche il funzionamento del sistema immunitario, indebolendolo.

Saremo, quindi, più esposti a rischi di infezioni, invecchiamento precoce e malattie varie.

Se tutto ciò avviene in maniera sporadica, può starci. Ma se diventa cronico, andremo a cronicizzare anche un indebolimento del sistema immunitario che, grazie alla sua plasticità, imparerà a comportarsi in quel modo. E saremo fregati.

Ecco perché è importante imparare a gestire le proprie emozioni e a trasformare quelle disfunzionali e “nocive” in emozioni funzionali (amore, dolcezza, empatia, calma interiore…).

 

Come gestire le emozioni

Gestire le emozioni, l’ho detto mille volte, non è compito semplice, soprattutto se dobbiamo riprogrammare un sistema nervoso al quale da molto tempo abbiamo insegnato ad agire con rabbia, ansia, depressione, o altro.

Per imparare a farlo, dobbiamo partire da un presupposto molto semplice, ma fondamentale.

Albert Ellis, fondatore della Terapia Razionale Emotiva Comportamentale (REBT) ci ha insegnato che, tranne in alcuni casi (come le fobie, o le dispercezioni sensoriali) non è mai un evento a generare direttamente una reazione emotiva e comportamentale, ma sono i pensieri che formuliamo su quell’evento, a generarla.

Se un amico passa per strada e non mi saluta, io ho 2 possibilità:

  1. mi arrabbio e gli tolgo per sempre il saluto, o cose del genere
  2. rifletto sul fatto che forse era sovrappensiero e ci passo su

Si tratta dello stesso evento, ma le reazioni sono diverse. Come mai?

Perché, nel primo caso, i pensieri che ho formulato, relativamente a quell’evento, sono stati qualcosa come: “non mi ha salutato perché vuole evitarmi di proposito, non posso sopportare una cosa del genere”. Nel secondo caso, invece, qualcosa come: “non mi ha salutato perché forse era sovrappensiero, un po’ mi ha dato fastidio, la cosa, ma non è la fine del mondo.”

Ecco, qui sta il segreto per gestire le emozioni. Nel mio coaching, grazie agli studi di approfondimento della REBT, lavoro spessissimo su questi aspetti, che sono quasi sempre alla base dei problemi che presentano i miei clienti, sia sportivi che non.

 

I nostri pensieri

La notizia bella, è che noi siamo gli unici veri padroni dei nostri pensieri. Quindi possiamo decidere liberamente se formularne di “nocivi” e disfunzionali, che mettano in pericolo la nostra salute, o di funzionali che ci permettano di vivere bene, sereni e felici.

Tieni conto che l’interazione con il sistema immunitario non è che una delle tante implicazioni che le nostre reazioni emotive hanno sull’omeostasi (l’equilibrio di salute generale).

L’epigenetica, inoltre, ci insegna che le nostre abitudini di vita sono in grado di modificare la nostra genetica, al di là delle programmazioni di cui disponiamo alla nascita, nel DNA. Modifiche che poi vengono tramandate anche ai figli e ai nipoti.

Insomma, credo di averti detto abbastanza, sull’importanza di una corretta gestione delle emozioni.

Ora tocca a te!

Aggiungi il tuo commento