Fake news più comuni sulla salute: ecco le risposte della scienza
Tempo di lettura: 7 minuti

Fake news più comuni sulla salute: ecco le risposte della scienza

 

La vastità dell’informazione online ha portato alla diffusione di numerosi dubbi e fake news sulla salute, creando confusione tra il pubblico. In questo articolo, esploreremo alcuni dei più comuni dubbi e fake news sulla salute e forniremo risposte scientificamente corrette per dissipare le incertezze e promuovere la conoscenza basata su evidenze.

 

I vaccini causano l’autismo?

Fake News: Una delle fake news più persistenti riguarda la presunta connessione tra i vaccini e l’autismo, alimentata principalmente da uno studio da molti anni sconfessato e condannato.

Risposta: Numerosi studi condotti su larga scala non hanno trovato alcuna associazione tra i vaccini e l’autismo. Le organizzazioni sanitarie internazionali, come l’OMS e i CDC, sottolineano l’importanza della vaccinazione per prevenire malattie gravi e proteggere la salute pubblica.

 

Il latte provoca la produzione di muco?

Fake News: Alcune persone credono che il consumo di latte possa causare la produzione eccessiva di muco, portando a congestione e problemi respiratori.

Risposta: Studi scientifici non supportano questa affermazione. La sensazione di muco dopo il consumo di latte potrebbe essere più legata alla temperatura o alla consistenza del cibo. Non esiste una correlazione scientifica tra il latte e l’eccessiva produzione di muco.

 

Il cellulare in tasca genera il cancro?

Fake News: Circolano voci sul fatto che tenere il cellulare in tasca potrebbe aumentare il rischio di cancro, soprattutto per gli uomini, e interferire sulla salute riproduttiva.

Risposta: Al momento attuale, non ci sono prove scientifiche significative che collegano la presenza del cellulare in tasca al cancro. Studi condotti finora non forniscono dati sufficienti per giungere a questa conclusione.

 

Il succo di mirtillo rosso previene le infezioni urinarie?

Fake News: C’è l’idea diffusa che il succo di mirtillo rosso prevenga e curi le infezioni urinarie.

Risposta: Mentre il succo di mirtillo rosso può avere benefici per la salute, le prove scientifiche sulla sua efficacia nel prevenire le infezioni urinarie sono miste. Non sostituisce la necessità di trattamenti medici appropriati.

 

L’acqua al limone aiuta a perdere peso?

Fake News: Alcuni sostengono che bere acqua calda con limone possa accelerare il metabolismo e aiutare nella perdita di peso.

Risposta: Non esistono prove scientifiche sostanziali che dimostrino che l’acqua al limone abbia un impatto significativo sulla perdita di peso. La chiave per dimagrire è una dieta equilibrata e l’esercizio fisico regolare.

 

Il sale rosa dell’Himalaya è più salutare del sale comune?

Fake News: Il sale rosa dell’Himalaya è spesso pubblicizzato come una scelta più salutare rispetto al sale da cucina comune.

Risposta: Dal punto di vista nutrizionale, il sale rosa dell’Himalaya e il sale da cucina sono praticamente identici. Le differenze di colore derivano dai minerali presenti, ma le quantità sono così piccole che non influenzano significativamente la salute.

 

I chiodi di garofano guariscono il mal di denti?

Fake News: Si ritiene comunemente che mettere un chiodo di garofano su un dente dolente possa alleviare il mal di denti.

Risposta: Mentre il chiodo di garofano può offrire temporaneo sollievo grazie alle sue proprietà anestetiche, non può sostituire una visita dal dentista per affrontare la causa sottostante del dolore.

 

Dormire meno di 8 ore è salutare?

Fake News: In alcuni circoli, si afferma che dormire meno di 8 ore a notte sia salutare e indichi una maggiore produttività.

Risposta: La mancanza di sonno è associata a una serie di problemi di salute, compresi disturbi cognitivi, problemi emotivi e rischi accresciuti di malattie croniche. Gli adulti dovrebbero mirare a 7-9 ore di sonno a notte per sostenere la salute generale.

 

Germi, virus e batteri sono la stessa cosa?

Fake News: La diffusa convinzione che germi, virus e batteri siano la stessa cosa è errata e va corretta.

Risposta: Sono tre concetti distinti nel campo della microbiologia. I batteri sono organismi unicellulari, mentre i virus sono strutture più semplici costituite da materiale genetico avvolto in una capsula proteica. Germi, invece, è un termine generico che può includere batteri, virus e altri microrganismi.

I batteri sono organismi unicellulari vivi, con un proprio metabolismo e possono essere utili o dannosi, alcuni contribuiscono al processo digestivo, per esempio, mentre altri possono causare malattie. I virus, al contrario, non sono “vivi” e necessitano di un organismo ospite per riprodursi, possono causare malattie come il raffreddore o l’influenza.

 

Usiamo solo il 10% del nostro cervello?

Fake News: La credenza diffusa che utilizziamo solo il 10% del nostro cervello è una fake news priva di fondamento scientifico.

Risposta: Le moderne tecniche di imaging cerebrale, come la risonanza magnetica, dimostrano che il cervello è un organo altamente attivo e coinvolto in molteplici processi anche quando sembra che stiamo riposando.

Il cervello umano è altamente complesso e ogni sua regione svolge ruoli specifici nel controllo delle funzioni motorie, sensoriali, cognitive ed emotive. Utilizzare solo il 10% del cervello sarebbe inefficace dal punto di vista evolutivo e biologico. Ogni parte del cervello ha un compito specifico, e anche piccole lesioni possono avere impatti significativi sulle capacità cognitive e motorie.

La teoria che suggerisce l’utilizzo del solo 10% del cervello è un mito senza alcuna base scientifica.

 

Esistono persone visive, uditive e cinestetiche?

Fake News: La credenza che le persone possano essere categorizzate come visive, uditive o cinestetiche in modo rigido è un fraintendimento comune.

Risposta: Il modo in cui le persone elaborano le informazioni coinvolge spesso una combinazione di diversi canali sensoriali. Questa teoria è basata sulla presunta prevalenza di uno specifico canale sensoriale, come la vista, l’udito o il tatto, nel processo di apprendimento di un individuo.

Gli studi scientifici non supportano l’idea che le persone siano rigidamente classificate in uno di questi stili di apprendimento. La maggior parte delle persone utilizza una combinazione di modalità sensoriali per assimilare e comprendere le informazioni. In realtà, l’idea di stili di apprendimento categorici è stata ampiamente criticata dagli esperti in pedagogia e psicologia dell’educazione.

La nozione di persone visive, uditive o cinestetiche come categorie distinte non è scientificamente valida.

 

I carboidrati fanno ingrassare?

Fake News: La credenza diffusa che i carboidrati facciano ingrassare è un fraintendimento nutrizionale.

Risposta: I carboidrati sono una fonte essenziale di energia per il nostro corpo e svolgono un ruolo fondamentale nelle funzioni quotidiane. Ciò che può portare a un aumento di peso non è tanto il consumo di carboidrati in sé, ma piuttosto la quantità totale di calorie ingerite rispetto al dispendio energetico complessivo.

I carboidrati forniscono energia al corpo e sono particolarmente importanti per il corretto funzionamento del cervello e dei muscoli, ecco perché una dieta squilibrata e priva o quasi di carboidrati fa sentire stanchi, irritabili e deconcentrati. Per dimagrire è più accurato concentrarsi sulla qualità dei carboidrati consumati, preferendo opzioni integrali e alimenti ricchi di fibre anziché fonti di carboidrati altamente raffinati come gli zuccheri.

Inoltre, una dieta equilibrata che comprenda una corretta combinazione di carboidrati, proteine e grassi sani è essenziale per mantenere un peso sano. Ridurre eccessivamente l’assunzione di carboidrati può portare a squilibri nutrizionali e compromettere la salute complessiva.

 

Il movimento degli occhi svela le bugie?

Fake News: L’affermazione che il movimento degli occhi possa rivelare in modo inequivocabile se qualcuno sta mentendo è una semplificazione fuorviante.

Risposta: La teoria alla base di questa fake news, nota come “Eye Movement Accessing Cues” (EMAC), sostiene che la direzione in cui una persona muove gli occhi durante una conversazione riflette l’attivazione di diverse aree del cervello, indicando così la creazione di una risposta veritiera o inventata. Tuttavia, la ricerca scientifica non supporta in modo conclusivo questa correlazione.

Il movimento degli occhi può variare notevolmente da persona a persona e può essere influenzato da molteplici fattori, tra cui cultura, personalità e situazione specifica. Pertanto, basarsi esclusivamente sul movimento degli occhi per determinare la veridicità di una dichiarazione è un approccio semplicistico e poco accurato. È importante considerare una gamma più ampia di indicatori comportamentali e contestuali per valutare la sincerità di una persona.

 

Incrociare le braccia è segno di chiusura?

Fake News: L’idea che incrociare le braccia sia inequivocabilmente un segno di chiusura o difesa è un’interpretazione eccessivamente semplificata del linguaggio del corpo.

Risposta: Mentre le espressioni non verbali possono fornire indizi sullo stato emotivo di una persona, attribuire automaticamente il significato di “chiusura” all’atto di incrociare le braccia è un’assunzione troppo generalizzata.

L’atteggiamento delle braccia incrociate può derivare da vari motivi, inclusi fattori culturali, abitudini personali o semplicemente comfort fisico. Alcune persone possono incrociare le braccia per sentirsi più rilassate o per mantenere il calore corporeo. È importante considerare il contesto e osservare altri segnali non verbali e verbali per ottenere una comprensione più accurata delle intenzioni di una persona.

 

La dieta chetogenetica e quella dei gruppi sanguigni fanno perdere peso?

Fake News: La credenza che le diete chetogenetiche o quelle basate sui gruppi sanguigni siano panacee per la perdita di peso e la salute è priva di fondamento scientifico. Entrambe queste teorie sono state ampiamente smentite dagli esperti nel campo della nutrizione.

Risposta: La dieta chetogenetica, che promuove l’assunzione elevata di grassi e la limitazione dei carboidrati, è stata studiata principalmente per trattare specifiche condizioni mediche, come l’epilessia, e non dovrebbe essere considerata una soluzione universale per la perdita di peso. Mentre può portare a una perdita di peso iniziale, questa potrebbe essere attribuita principalmente alla riduzione dell’acqua corporea e non rappresenta una soluzione sostenibile a lungo termine.

Per quanto riguarda la dieta dei gruppi sanguigni, la teoria che suggerisce che la dieta debba essere adattata al tipo di sangue di una persona è stata respinta dalla comunità scientifica. Le prove scientifiche non supportano l’idea che il gruppo sanguigno influenzi in modo significativo la risposta del corpo a determinati alimenti.

 

Sudare fa dimagrire?

Fake News: La convinzione comune che sudare in modo eccessivo porti automaticamente alla perdita di peso è un mito.

Risposta: Il sudore è principalmente un meccanismo del corpo per raffreddarsi, regolando la temperatura corporea durante l’esercizio o in risposta al calore ambientale. Il sudore è composto principalmente da acqua e minerali, e la quantità di peso perso attraverso il sudore è temporanea e principalmente legata alla perdita di liquidi, non di grasso corporeo.

La perdita di peso reale è il risultato di un bilancio calorico negativo, ossia bruciare più calorie di quelle consumate. Anche se il sudare può contribuire a una temporanea diminuzione del peso sull’ago della bilancia, questa perdita è principalmente dovuta alla disidratazione e non rappresenta una riduzione significativa del tessuto adiposo.

Per ottenere una perdita di peso sana e sostenibile, è fondamentale concentrarsi sull’esercizio regolare e su una dieta equilibrata. L’obiettivo dovrebbe essere quello di bruciare calorie attraverso l’attività fisica e di adottare scelte alimentari sane, piuttosto che cercare di perdere peso attraverso la perdita di liquidi. Inoltre, mantenere una corretta idratazione è essenziale per la salute generale e per garantire un funzionamento ottimale del corpo.

 

Un osteopata può individuare intolleranze alimentari o allergie?

Fake News: La credenza che un osteopata possa individuare intolleranze alimentari o allergie è priva di fondamento scientifico.

Risposta: Gli osteopati sono professionisti specializzati nella manipolazione del sistema muscolo-scheletrico per promuovere il benessere generale e il recupero di determinate condizioni fisiche. Ma la diagnosi e la gestione di intolleranze alimentari o allergie rientrano nel campo di competenza di nutrizionisti, allergologi e immunologi. Le intolleranze alimentari e le allergie sono complesse e richiedono valutazioni approfondite, come test specifici, per essere correttamente identificate.

L’autodiagnosi o il ricorso a pratiche non supportate scientificamente può comportare rischi per la salute e ritardare il trattamento appropriato.

 

Conclusioni: combattere l’ignoranza con la conoscenza

La diffusione di dubbi e fake news sulla salute è un problema diffuso. La chiave per combattere l’ignoranza è l’informazione basata su evidenze scientifiche.

Prima di credere o diffondere informazioni sulla salute, è essenziale verificare la fonte e cercare approvazione da professionisti medici o da organizzazioni sanitarie affidabili. Rimanere informati è fondamentale per prendersi cura della propria salute in modo consapevole e responsabile.

Aggiungi il tuo commento